La Tezenis Verona trova la seconda vittoria nel girone giallo della 2^ fase, allungando a 10 la striscia di successi consecutivi.

Una gara che fin dagli ultimi minuti del primo quarto ha preso la strada di Verona; il break di 6 a 0 ha spianato la strada ai gialloblù che nel secondo quarto hanno allungato in maniera consistente.

A Chieti però va il merito di aver riaperto, a cavallo tra il terzo e il quarto parziale, con un break di 13-0 la partita; riportandosi sotto fino al pareggio sul 61-61. Ultimi minuti di grande intensità giocati punto su punto e negli ultimi secondi i liberi di Greene fanno la differenza. Si chiude sul 72-74.

Inizio di gara equilibrato. Dopo il 2-0 iniziale di Chieti, la Tezenis si affida a Phil Greene che mette 6  punti consecutivi (6-6). Rosselli ruba palla a metà campo e deposita nel traffico per il 6-8 con i gialloblù che, poco dopo, commettono un nuovo fallo, questa volta con Bobby Jones. Il contropiede confezionato da Caroti e Jones vale il nuovo vantaggio sul 10-12; è qui che nasce il break gialloblù, allungato dai due liberi di Jones e dal tiro dalla media di Colussa. Al primo riposo si va sul 10-16.

Ihedioha, appoggiando al vetro, tiene in scia la Lux ma la Tezenis trova in Janelidze punti pesanti, 4 consecutivi, per il 13-20. Verona trova la prima tripla dell’incontro con Candussi a metà del secondo quarto, con il canestro che vale il momentaneo massimo vantaggio (17-29).

E’ qui che Chieti trova la forza per tornare a macinare punti (23-31) e coach Ramagli è costretto al time out. Si rientra in campo e Tomassini colpisce subito da tre punti, poi Jones si costruisce un gioco da 3 punti (23-37). Verona vola verso l’intervallo, chiudendo avanti sul 33-48.

Il terzo quarto risulta equilibrato. Le due squadre tornano a darsi battaglia ad armi pari per lunghi tratti. Dopo 6 minuti di gioco, Chieti è avanti nel parziale 13-11 per il punteggio totale che va così sul 46-59. La gara va avanti a strappi con Verona che mantiene la doppia cifra di vantaggio fino a 2 minuti dalla chiusura del quarto quando la tripla di Bozzetto porta il punteggio sul 52-61. I gialloblù continuano a non trovare il canestro, Chieti riapre definitivamente la partita con Meluzzi e Lugic che fissano il punteggio sul 57-61. Ramagli chiama i suoi in panchina ma al rientro in campo altri due punti di Chieti allungano il break sul 13-0. Si va all’ultimo riposo sul 59-61.

Ihedioha firma il pareggio e Verona continua a non trovare la via del canestro. Ramagli rimanda in campo Greene ed è proprio lui ad interrompere il digiuno dei gialloblù (61-63). La difesa sull’azione successiva porta all’errore Meluzzi, poi Severini mette la tripla che dà ossigeno a Verona (61-66).

La gara torna in equilibrio: Tomassini realizza dalla media (65-69) ma è un vantaggio che Verona rischia di vedere svanire nel finale. Meluzzi ha in mano la palla del possibile pareggio a 55 secondi dalla fine ma la palla si spegne sul ferro. Il fallo su Greene manda in lunetta l’americano che fa 1 su 2 ma Candussi trova il rimbalzo per un nuovo possesso (69-72). Sulla sirena la tripla di Jones finisce sul ferro e dalla lunetta i liberi di Greene fanno la differenza. Finisce 72-74.