Dovevano essere due punti e così è stato. La Venplast Dossobuono riscatta la sconfitta di Brescia con una vittoria al PalaDossobuono contro la diretta inseguitrice Lions Sassari. Vittoria fondamentale per i due punti di vantaggio in classifica proprio sulla formazione sarda e per gli scontri diretti favorevoli; in caso di arrivo a pari punti con la Lions infatti la graduatoria sorriderebbe alla Venplast Dossobuono, dopo il successo dell’andata al PalaSantoru.
La Venplast si siede fin da subito sull’altalena, piazzando un break iniziale con Zanette e Prudenziati, ricevendo però le risposte della Lions, capace di segnare due reti in 20” all’8′. Sul 3-3 De Toni chiama time-out con il chiaro obiettivo di scuotere psicologicamente la squadra. Il risultato è positivo, la Venplast allunga e piazza un parziale di 4-0 a metà frazione. 9-5 con una Zanette inarrestabile. La Lions però ha le idee ben chiare: poche giocatrici, ritmo basso, ma consapevolezza del proprio schema di gioco. Le sarde recuperano e pareggiano con Profili al 23′. Venplast in difficoltà; la Lions invece batte un ferro caldissimo con Dibona, migliore in campo ieri al PalaDossobuono. Vantaggio Lions al 25′. Le ospiti però nel finale lasciano campo a una Venplast che distribuisce le proprie marcature tra Zanette, Mazzieri, Marchegiani e Novesi. Di nuovo in vantaggio le giallo-rosse al 28′ e sul +2 all’intervallo. 17-15.
Nella ripresa la chiave del match viene trovata nei primissimi giri di lancette. Prudenziati, Marchegiani e Graziani dilatano il gap sulle 4 reti. Un distacco che si manterrà praticamente costante per la maggior parte della ripresa. Le due squadre proseguono rispondendosi a vicenda; il tempo però scorre ed il massimo sforzo Lions si concretizza grazie anche agli interventi di Giona: Mazzitelli firma il -2 sull’altro versante allo scoccare del 44′. La Lions si fermerà qui, con la sensazione di possedere strumenti e idee di gioco, ma con troppa poca lucidità nei passaggi. Per la Venplast diventerà decisiva Battaglia negli ultimi 15′, consentendo alla squadra di raggiungere la tranquillità nel finale. Guadagnini chiude il parziale che vale il +5 al 47′, Dibona e Piras scutono la rete per la Lions ma la pratica è ormai chiusa. La Venplast si impone 33-26.
Venplast Dossobuono – Lions Sassari 33-26 (p.t. 17-15)
Venplast Dossobuono: Accorsi, Battaglia, Beghini, Berardo, Bozzi, Cacciatore 1, Graziani 2, Guadagnini 2, Marchegiani 5, Mazzieri 6, Novesi 4, Prudenziati 5, Rensi, Ronconi, Zanette 8, Zanetti. All. Tiziano De Toni
Lions Sassari: Canova 2, Cau, Dibona 10, Furesi, Giona, Mazzitelli 4, Ndiaye 2, Piras 4, Profili 4, Scanu. All. Zucchi Pastor
Arbitri: Riello – Panetta
La classifica: Leonessa Brescia 16, Venplast Dossobuono 14, Lions Sassari 12, Cassano Magnago 10, Sardegna 4, Ferrarin 4.
Il campionato di Serie A2F ora entrerà nella fase ad orologio, dove tutte le squadre si affronteranno nuovamente. A seguito dei risultati di ieri il campionato della Venplast Dossobuono proseguirà in queste date, con orari da definire:
– 15 febbraio: Venplast Dossobuono– Ferrarin
– 22 febbraio: Venplast Dossobuono – Cassano Magnago
– 29 febbraio: Brescia – Venplast Dossobuono
– 4 aprile: Venplast Dossobuono – Sardegna
– 5 aprile: Venplast Dossobuono – Lions Sassari

Vittoria dal peso specifico altissimo, invece, per la formazione di serie B maschile che a Mirano supera l’Arcobaleno Oriago dimostrando ancora una volta carattere e tenacia. Per capire l’andamento del match basta solamente guardare la sequenza dei gol: scarti mai sopra le quattro reti per tutti i 60 minuti e una guerra di nervi che per la Venplast Dossobuono vale nuovamente la conferma in testa alla classifica insieme ad Algund.
In avvio la Venplast si affida a Rizzi e Zivelonghi per firmare il primo vantaggio sul 3-4 al 7′. Squarzoni allunga sul +3 al 20′ ma è solamente un fuoco di paglia perchè l’Oriago accorcia subito. I padroni di casa soffrono le esclusioni temporanee sul calare della prima frazione e scivolano nuovamente sul -3 firmato da Guariso, vicino alla sirena del primo tempo. 14-17 all’intervallo.
Nella ripresa tocca alla Venplast soffrire le esclusioni per due minuti, che consentono all’Oriago di accorciare sul -1 al 39′. Il break successivo è della Venplast, con Guariso e Tomasi: massimo vantaggio sul +4 al 41′, che però si volatizza in un amen. I ragazzi giallo-rossi si inceppano sul più bello e a metà ripresa cestinano il proprio tesoretto: Cecili continua la propria gara monstre tra i pali di casa e l’Oriago fissa un parziale di 4 reti che vale la parità al 50′. 23-23. Si entra nella fase che conta psicologicamente in difficoltà e con il risultato aperto ad ogni esito. Rizzi e Tomasi timbrano due reti importanti come l’acqua nel deserto: la Venplast torna sul +2 al 55′ e si ricompone dopo il momento difficile, l’Oriago però risponde in ugual misura. Sale la tensione, il pallone si fa pesante: il jolly da due punti lo trova Guariso a 1′ dalla fine, mentre Bollani tiene a galla la squadra nell’ultima azione che conta. La Venplast sbanca Mirano con personalità. 25-26.

Arcobaleno Oriago – Venplast Dossobuono 25-26 (p.t. 14-17)
Arcobaleno Oriago:
Breahna 4, Brozzola M, Brozzola D, Brozzola R 2, Cecili, Chiozzotto, Coltro 6, Favaro A, Favaro F 2, Ferrotti 1, Frattina, Marsilio. Melato, Meneghetti 3, Passadore 3, Zennaro 4. All. Giampaolo Leandri
Venplast Dossobuono: Bernardi, Bollani, Bujor, Campostrini 3, Ceriani, Fantoni 1, Guariso 4, Minotti, Mirandola, Perazzoli, Puggia, Rizzi 11, Squarzoni 2, Tomasi 2, Zivelonghi 3. All. Carlo Nordera
Arbitri: Cipriani – Nguyen