Serata davvero speciale quella svoltasi venerdì 24 gennaio presso l’Azienda Agricola Stefano Accordini a Cavalo di Fumane, tra le colline della Valpolicella, durante la quale si è svolta la presentazione del Festival Europeo di Rugby old Egorf 2021.
A fare gli onori di casa la dirigenza e gli atleti dei Cangrandi old Rugby Verona, società organizzatrice di un evento che radunerà a Verona, dal 17 al 20 giugno del prossimo anno, oltre 2000 giocatori di rugby over 35 pronti a ‘sfidarsi’ per la conquista del prestigioso trofeo.
La serata, condotta dai giornalisti Elisabetta Gallina e Alberto Cristani, ha visto protagonisti atleti, imprenditori, sponsor e istituzioni, tutti uniti per l’unico grande obiettivo: la promozione e la diffusione dei valori che Egorf, da ormai sedici edizioni, si prefigge ovvero l’amicizia, la passione e l’inclusione che uno sport come il rugby riesce a garantire.
Testimonial d’eccezione della serata Tommaso Castello, primo centro della Nazionale Azzurra e giocatore delle Zebre Parma, in fase di recupero da un grave infortunio.
Alla presentazione, evento nell’evento, hanno partecipato tutte le società di rugby della provincia scaligera a partire dalle formazioni militanti nel campionato di serie A, Verona e Valpolicella, proseguendo con Valeggio, West, Lupos, Scaligera e Mastini Cangrandi, formazione di Wheelchair Rugby (rugby in carrozzina).

“Questa manifestazione” – spiega Daniele Accordini, vice presidente dei Cangrandi old Rugby Verona – “sarà un evento inclusivo, che darà una grande visibilità alla nostra città. Si giocherà a rugby, si farà festa con un terzo tempo che proseguirà anche fuori dal terreno di gioco; infatti i nostri ospiti avranno la possibilità di scoprire le bellezze naturali e le eccellenza enogastronomiche della nostra provincia grazie a visite guidate che sconfineranno anche nella vicina Venezia”.

Prosegue Accordini: “Sebbene manchino ancora molti giorni, siamo ad ottimo punti per quanto riguarda l’organizzazione. Per questo dobbiamo ringraziare in primis le amministrazioni locali dei Comuni di Verona, con l’Assessore Filippo Rando, e di Villafranca, con l’Assessore Luca Zamperini, che da subito hanno colto l’importanza di questa manifestazione e ci sostengono attivamente. L’importanza degli sponsor è ovviamente fondamentale per sostenere le spese: molti hanno già aderito e altri, nei prossimi mesi, ci daranno l’ok. Tutto sta procedendo al meglio e, sebbene ci sia ancora molto da fare, siamo molto fiduciosi”.

Si stima che a Egorf 2021 parteciperanno più di una sessantina di compagini italiane, europee ed extra europee; confermata infatti la presenza di formazioni neozelandesi e argentine.
I protagonisti saranno non solo ex giocatori di rugby ma anche, in generale, gli appassionati che condividono le regole e lo spirito della palla ovale, una grande festa che avrà il suo culmine nel terzo tempo, il tradizionale incontro conviviale dopo gara di socializzazione tra i giocatori, al quale  partecipano anche famiglie e talvolta, per quanto riguarda i campionati ufficiali, anche i tifosi.

Importante è anche la componente sociale dell’evento; infatti parte del ricavato verrà destinato a Rugby in Ospedale, progetto di promozione sociale che si occupa dell’organizzazione di visite di rugbiste e rugbisti di rilievo nazionale e locale negli ospedali/reparti pediatrici italiani, e ai Cangrandi Mastini, formazione che partecipa al campionato italiano di rugby in carrozzina.

“Non mi intendo molto di old rugby” – ha spiegato il giocatore delle Zebre Parma Tommaso Castello – “ma sono convinto che un evento di questa portata porterà visibilità e prestigio a Verona. Potrà essere anche un momento di esempio e di crescita per il rugby seniores e giovanile, un punto da cui partire per organizzare grandi eventi anche per queste formazioni”.

Le partite di Egorf Verona 2021 si svolgeranno presso i campi dell’Hotel Anthares di Villafranca, struttura che ospiterà anche tutti gli atleti e i loro accompagnatori.
SportdiPiù magazine Veneto sarà media partner ufficiale dell’evento

Alberto Cristani