Terza vittoria consecutiva per la With-U Cestistica Verona che sale a quota 12 punti in classifica e si lascia alle spalle Montebelluna, Mirano e Jesolo. I biancorossi hanno battuto senza problemi The Team 77-66, comandando nel punteggio dall’inizio alla fine e calando solamente nel finale: mvp della serata Solly Stansbury che, dopo aver faticato al tiro all’esordio, ha fornito una prestazione solida tirando con 7/9 dal campo e arpionando 9 rimbalzi (27 di valutazione per lui).

La gara non è stata mai in discussione, la squadra di Dacio Bianchi ha messo in campo un’energia incredibile, direzionando da subito il match a proprio favore e comandando in lungo e in largo per i primi due quarti di gioco (+25 a fine secondo quarto).

Gara equilibrata soltanto sino all’8-8, i padroni di casa accelerano con Buzzi da tre e Stansbury (13-8), Riese risponde con Buratto dalla lunetta (13-10) ma la Cesta dà la prima spallata al match con un break di 8-0 (21-10). Il canestro di Marini chiude il primo quarto (21-12); nel secondo periodo il pubblico del Don Calabria si fa sentire e la With-U non molla la presa: sul 24-14 arriva un altro parziale, stavolta di 11-2, che permette alla Cestistica di volare sul +19 (35-16). Ma non è finita perché la tripla di Bordato sigla il “ventello” di vantaggio (38-18) e i liberi di Stansbury il 40-18, prima della risposta di Mabilia da tre (40-21). Coach Bianchi ruota al meglio la propria panchina e il finale di tempo arride ancora ai biancorossi che, con la tripla di Bovo, fissano il massimo vantaggio della serata (49-24 all’intervallo lungo).

Nel terzo periodo il divario tra le due squadre si mantiene quasi sempre sulle 20 lunghezze: Riese è brava perché non arretra di un centimetro e non molla mai, nonostante la contesa sembri segnata. A metà tempo gli ospiti tornano a -17 con Cappelletto dalla lunetta (53-36), ma Bolcato la pensa diversamente e ripristina il +20 con la tripla del 58-38. La frazione conclusiva inizia sul 66-44, The Team però non è morta e inizia a rosicchiare punto su punto, approfittando pure della stanchezza dei padroni di casa. Il parziale ospite sarà di 3-16 e, a 4 minuti dalla sirena finale, il tabellone segna 69-60. Stansbury e Bordato ricacciano indietro i trevigiani (73-60) che riescono al massimo ad arrivare a -7 con la tripla di Verzotto (73-66), ma non a riaprire il match. L’ultimo minuto inizia con il valido e fallo del solito Stansbury (76-66), poi non segna praticamente più nessuno e il pubblico veronese può applaudire la propria squadra.