Arriva il primo straniero della storia della Cestistica: la società veronese ha tesserato il lungo americano, di passaporto francese, Solly Stansbury. Si tratta di un’addizione importante per la formazione di Dacio Bianchi, che è intenzionata a risalire la classifica per evitare la retrocessione. Solly giocò da avversario contro la With-U lo scorso anno con la maglia di Murano ed è quindi alla seconda esperienza italiana. Conosce bene l’Italia perché da anni in estate è ospite del Folgaria Basketball Camp assieme al padre, Terence Stansbury, ex giocatore NBA (giocò ad Indiana e a Seattle negli anni 80, dopo essere stato scelto con il n. 15 assoluto dai Clippers nel draft del 1984, quello di Michael Jordan con cui duellò nello Slam Dunk Contest per tre stagioni).

Solly ha frequentato l’high school a Toms River North (NJ) e il college a Richmond. In Francia ha giocato nel Paris Levallois U21, con cui ha pure esordito in serie A francese, per poi passare in Belgio al Leuven Bears: “È stata una trattativa importante – racconta il dirigente biancorosso Gianpietro Mirandola – Abbiamo iniziato sentirci quasi due settimane fa inizialmente con il padre Terence, il quale poi mi ha presentato il figlio: poche parole ma sempre dritto al punto mi è piaciuto fin da subito”. Cosa vi potrà dare questo nuovo arrivo? “È la prima volta nella nostra storia che accogliamo un giocatore straniero, ma sono convinto che i suoi compagni di squadra sapranno farlo ambientare fin da subito. È un rinforzo davvero importante che spero ci aiuti ad uscire dall’ultima posizione in classifica e fare un girone di ritorno migliore”.