Esordio, alla stadio Umberto Capone di Vigasio, per il Chievo Fortitudo Women che non ha rispecchiato le attese. Il mister, alla vigilia del match aveva messo tutte sull’attenti, dicendo che si sarebbe trattato di una partita difficile visto il tanto tempo lontano dalle competizioni. Così è stato. Le gialloblù hanno subìto la neopromossa Riozzese proprio nella loro miglior caratteristica: le ripartenze. Infatti, in più occasioni, le rosanero con pochi passaggi hanno scavalcato centrocampo e difesa trovandosi a concludere a rete. Le gialloblù sono sembrate poco in palla, lente nella manovra, soprattutto a centrocampo, e con alcune giocatrici che hanno commesso molti errori. Non è tutto da buttare, visto anche il risultato, ma in settimana occorrerà rivedere la sfida per farne tesoro.

CHIEVO FORTITUDO WOMEN-A.S.D. RIOZZESE: 3-4
Reti
: 7’pt Rognoni, 14’pt Dallagiacoma, 15’pt Faccioli (autogol), 33’pt Peretti, 1’st Rognoni, 30’st Dossi, 35’st Boni.
CHIEVO FORTITUDO WOMEN: Salvi, Mascanzoni, Pavana, Caliari, Faccioli (36’st Bonfante), Tardini (18’st Benincaso), Carraro, Bertolotti (10’st Mele), Peretti, Dallagiacoma (18’st Martani), Boni.  A disposizione: Olivieri, Salaorni, Faccio, Bottigliero, Rigon. Allenatore: Zuccher.
A.S.D. RIOZZESE: Ballabio, Grumelli (20’st Tugnoli), Galbiati, Postiglione, Codecà (38’st Lecce), Dugo, Callovini (20’st Belloni), Straniero, Rognoni, Dossi (43’st Varone), Redolfi (38’st Spinelli). A disposizione: Oleotti, Edoci, Bruno, Arzeno. Allenatore: Salterio.
Arbitro: Alessandro Negrello (Reggio Emilia). Assistenti: Nidah Hadev e Erik Iemmi.