In tribuna si rumoreggiava a fine della partita. Ai più sembrava incomprensibile come in undici contro nove per quasi tutto il secondo tempo – due giocatori del Pordenone espulsi nel giro di sette minuti – la squadra gialloblù non sia riuscita a trovare la via del gol e con essa la prima vittoria in casa di questo campionato. Tante le occasioni sbagliate davanti alla porta avversaria, ma anche una manovra elaborata e macchinosa nel fornire alle punte (Rodriguez, Djordjevic, Meggiorini e Pucciarelli) palloni giocabili. Qualcosa va cambiato, e in fretta, nella fase offensiva visto che non si riesce a pungere come si dovrebbe, nonostante le potenzialità dei giocatori a disposizione di Marcolini. Il mister gialloblù a fine gara ha detto “Ora lavoriamo per diventare più cinici altrimenti un campionato di vertice non lo possiamo fare”. Parole giuste che devono trovare piena attuazione già domenica prossima a Livorno.

Tabellino Chievo-Pordenone 1-1
Reti: 9’pt Strizzolo, 8’st Djordjevic.
Espulsi: Strizzolo (5’st) per doppia ammonizione; Chiaretti (12’st) per doppia ammonizione.
ChievoVerona: Semper, Dickmann, Leverbe, Cesar, Brivio (34’st Pucciarelli); Segre, Esposito, Garritano (15’st Meggiorini); Vignato; Rodriguez, Djordjevic. Allenatore Marcolini.
Pordenone: Di Gregorio, Bassoli, Almici, Camporese, De Agostini; Gavazzi (14’st Vogliacco), Burrai (35’st Zammarini), Pasa, Chiaretti; Strizzolo, Monachello (27’st Ciurria). Allenatore Tesser.
Arbitro: Massimi di Termoli.

Giorgio Vincenzi