La trasferta di Mantova non sorride alla Tezenis Verona, piegata in volata con il punteggio di 77-76. Una gara sempre in bilico, con i gialloblù che prima recuperano i quattro punti di svantaggio e poi con lo stesso scarto si portano avanti nel terzo quarto. Gli Stings riescono a rimanere in partita, i ragazzi di Dalmonte corrono nel finale ma i quattro punti di vantaggio a pochi minuti dalla sirena non sono sufficienti per chiudere a proprio favore il match.
Per i gialloblù, ora, la volontà di voltare subito pagina con il turno infrasettimanale di mercoledì all’AGSM Forum contro Imola.
Con Poletti nel roster, coach Dalmonte lancia subito il lungo nel quintetto base nel ruolo di “4” a fianco di Candussi, Severini, Henderson ed Amato.
Il primo break lo firma Mantova. Dopo la tripla di Candussi (3-3) i padroni di casa capitalizzano i propri possessi, sfruttando gli errori in attacco di Poletti e Candussi (9-3). Ci pensa Amato a chiudere il break aperto (9-5) e dopo l’ottima difesa di Severini su Raspino, Henderson buca la retina dalla lunga distanza (9-8). Amato firma, con una tripla, il primo vantaggio della Tezenis (12-13) poi Veideman sale in cattedra con cinque punti consecutivi, intervallati da quelli di Raspino. Verona rimane in scia, Poletti realizza i suoi primi punti del match (19 pari) e prima della sirena, i padroni di casa trovano la via del canestro per il definitivo 21-19.
Polveri bagnate ad inizio secondo quarto, quando le difese fanno sentire la propria fisicità. Ferguson, allo scadere dei 24’’, trova la tripla del -1, poi Poggi riporta Mantova sul +3 del 28.-25. La tripla di Dieng si spegne sul ferro ma è rapido Poletti a rimbalzo e a depositare il 28-27; l’equilibrio non si spezza, fino a quando Ikangi ruba palla e, in contropiede, deposita a canestro subendo fallo (30-32) per il gioco da tre punti. La Tezenis tiene il ritmo alto, Amato va a fare 2/2 dalla lunetta dopo l’errore di Veideman (30-34) ma prima dell’intervallo lungo gli Stings tornano sotto: all’intervallo il punteggio è di 40-39.
Si alza ancora il ritmo ad inizio del terzo quarto. La Tezenis cambia marcia. Poletti ed Henderson trovano i canestri che spaccano ancora l’equilibrio. Siamo a ridosso della metà del quarto, quando i gialloblù di coach Dalmonte trovano quattro punti di vantaggio (46-50) costringendo Finelli al time out. Si alzano i decibel e la gara entra sempre più nel vivo. Sulla coppia di lunghi gialloblù Candussi-Poletti, pesano i tre falli ciascuno, ma è da sotto le plance che Verona conferma il proprio vantaggio con il rimbalzo di Quarisa e la schiacciata di Poletti (49-52). Ghersetti, da tre, pareggia sul 52, ma è ancora Verona a premere sull’acceleratore: prima Quarisa, poi Henderson e ancora Ferguson infilano la difesa virgiliana (52-58). Nell’ultimo giro di lancette, Mantova trova le contromisure: Visconti, 4 punti, guida il ritorno dei ragazzi di Finelli che pareggiano sul 58-58.
Il break degli Stings apre l’ultimo quarto: 100 secondi in campo e + 5, Ci pensa Amato a fermare l’entusiasmo di Mantova con due triple consecutive (63-64), seguito poco dopo da Ikangi (65-67). La Tezenis torna a due possessi di vantaggio con il canestro di Ferguson, ma la gara continua ad essere in altalena. Morse schiaccia il 72 pari a 3 minuti dalla fine. Dopo il time out di Dalmonte, Ghersetti infila il 74-72 ma arriva pronta la risposta di Amato. C’è il quinto fallo di Morse, sfondamento in attacco, Ferguson trova in penetrazione il 74-76 e nell’altra parte del campo Ferrara mette la tripla del 77-76. Il tiro di poletti viene rimbalzato dal ferro, a 17 secondi dalla fine va in lunetta Ghersetti che fa 0/2. Ferguson va a prendersi il fallo ma sulla rimessa la Tezenis non trova la via del canestro.

Pompea Mantova – Tezenis Verona 77-76 (21-19, 19-20, 18-19, 19-18)
Pompea Mantova: Mario jose Ghersetti 17 (3/5, 3/5), Rain Veideman 16 (2/4, 2/4), Riccardo Visconti 16 (5/9, 2/10), Tommaso Raspino 12 (5/8, 0/1), Anthony Morse 6 (3/8, 0/0), Matteo Ferrara 5 (0/1, 1/2), Giovanni Poggi 3 (1/2, 0/0), Lorenzo Maspero 2 (1/1, 0/2), Francesco Guerra 0 (0/0, 0/0), Alessandro Tosi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 16 – Rimbalzi: 32 12 + 20 (Anthony Morse 7) – Assist: 18 (Rain Veideman, Lorenzo Maspero 5)
Tezenis Verona: Andrea Amato 19 (2/4, 4/9), Mitchell Poletti 15 (4/6, 1/4), Jazzmarr Ferguson 12 (3/6, 2/4), Terry Henderson 9 (3/6, 1/3), Francesco Candussi 7 (2/3, 1/4), Giovanni Severini 6 (0/1, 0/3), Iris Ikangi 6 (1/1, 1/2), Andrea Quarisa 2 (1/1, 0/0), Omar Dieng 0 (0/2, 0/1), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 15 – Rimbalzi: 30 9 + 21 (Mitchell Poletti 9) – Assist: 16 (Giovanni Severini 5)